martedì 23 novembre 2021

Impara a gestire più progetti impegnativi e stancanti

Sei multipotenziale: hai vari interessi e vari punti di connessione tra loro, ti tuffi nella ricerca all'inseguimento di un'intuizione o della pura e semplice curiosità del momento; ogni giorno spuntano nuove idee, alcune talmente entusiasmanti da trasformarsi in nuovi progetti.
  Certi progetti sono molto impegnativi dal punto di vista del dispendio energetico. Illuminano l'intera giornata, dedichi loro più tempo possibile (pause pranzo al volo, cene solo abbozzate, fine settimana e festività inesistenti), sei talmente concentrata che potresti andare avanti per ore. 

Ma non è così: i progetti impegnativi consumano in fretta le tue energie e con le poche rimaste devi ancora pensare alle incombenze quotidiane, alle persone con cui vivi, a te stessa... Così arrivi a sera – ogni sera – con la sensazione di essere sopraffatta, esausta e senza forze. 
  Per evitare tutto questo, puoi imparare a gestire i tuoi progetti più tosti e portarli avanti insieme.


Le caratteristiche dei progetti impegnativi

I progetti impegnativi sono quelli che ti richiedono molto tempo,  molta concentrazione e molto sforzo. Possono essere soprattutto fisici (per esempio ristrutturare un locale dall'inizio alla fine, mobili compresi) oppure del tutto intellettivi (come scrivere un libro).

Se porti avanti più progetti del genere senza organizzarti, rischi di fartene travolgere. A me è successo, più di una volta, e gli effetti sono sempre stati devastanti: a lungo andare, il mio corpo mi ha fatto capire con metodi sempre più drastici che dovevo fermarmi. 
  Mi sono sentita sopraffatta dai miei progetti, confusa nella mente e nel fisico, bloccata emotivamente, stremata nelle attività quotidiane, esaurita di ogni capacità cognitiva. Il cervello era ridotto come un limone spremuto e il corpo letteralmente senza forze.


Organizza e gestisci

L'ultima volta mi è capitato quattro anni fa (ho esagerato con un enorme progetto, mentre continuavo a portare avanti gli altri) e ho imparato una cosa importante: puoi superare i tuoi limiti, se ne vale davvero la pena, ma ne paghi sempre le conseguenze.
  Per gestire più impegni faticosi contemporaneamente e senza effetti devastanti puoi fare due cose:

  1. organizzare te stessa – Preparati al grosso dispendio di energie mentali e fisiche, riposati spesso per mantenere alto il livello di "carica", trova periodi della giornata in cui sei più efficiente, e non avere fretta di concludere;
  2. organizzare i progetti – Programma le pause tra un'attività e l'altra, prima di iniziare, durante lo svolgimento e dopo la conclusione; calcola i tempi di recupero, preziosi tanto quanto il tempo dedicato ai progetti, e aggiungi sempre un'ora cuscinetto per gli imprevisti (o per rigenerarti).

Mai più sopraffatta

Per imparare a gestire le attività più grosse fai dei tentativi, prova e trova con calma il tuo metodo. Nel frattempo ti lascio qualche consiglio pratico: inizia a pianificarle con attenzione, poi calcola il tempo per fare e per non-fare, quindi segna tutto in agenda e segui il tuo programma giornaliero.
  Non fare più di quanto hai già deciso (potresti stancarti prima) né meno (altrimenti rischi dei recuperi tremendi): segui il tuo ritmo multipotenziale, aggiungi le giuste pause, riposa e divertiti. Perché il divertimento non solo migliora il tuo umore, ma ti dà anche una grande carica.


Impara a gestire più progetti impegnativi e stancanti | Paroladordine

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...